Tag

ph fashion week

Ed eccoci di nuovo qui a cercare di (non) parlare di moda. Certo è che per una che vive a Milano, ha come hobby quello di organizzare cene, feste e simposi vari e ha iniziato a scrivere a 4 anni per non fermarsi più, la settimana della moda è un momento importante. Dimenticavo: la sopracitata tizia, giusto per dimostrare coerenza, si è messa a fare la PR. Che per i non addetti ai lavori equivale ad un ibrido creato da una cubista che, flirtando con un volenteroso distributore di volantini imparentato con un dj, si è messa a organizzare serate in discoteca; per gli addetti ai lavori equivale ad una cretina che ha ben pensato di fare della comunicazione la sua vita.

In sostanza: le PR sono persone che scrivono comunicati stampa, informano gli organi di informazione su ciò che accade nel mondo, tengono i contatti tra le aziende e i loro clienti o fornitori e si occupano di informare tutti – dalla sciura Pina a Obama – di quello che succede nella fetta di mondo che possono trovare interessante. E per noi PR, che non possiamo nemmeno vantare uno straccio di free entry all’Hollywood, le settimane della moda sono momenti importanti. Non perché Milano venga invasa da orde di persone che pensano di fare i trend setter spalmandosi di Vinavil e infilandosi nell’armadio in modo da far restare attaccati i vestiti – di qualunque forma e colore, ma che si notino –  ma perché si incontrano Persone. Bella gente, davvero. Incontri stilisti che si sono pagati gli studi lavando i pavimenti da Mc Donald’s e che quando disegnano si ispirano ai più grandi pittori del secolo, ma se ne accorgono in pochi; incontri makeup artist che studiano fotografia, arte e cromie che applicheranno sul volto di un’ignara modella per far sì che quello specifico aspetto della personalità risalti in ogni foto o ad ogni passo; incontri designer che imbiancano da sè lo showroom la sera prima dell’evento perché stanno spendendo fino all’ultima cellula del loro essere per seguire il loro sogno; incontri proprio un bel mondo. Dovevo scriverlo per capirlo. Adesso posso prepararmi alla settimana della moda, anche questa volta ne varrà la pena. E visto che sto fingendo di scrivere (anche) di moda, nei prossimi post vi racconto di un po’ di eventi. Con i miei occhi, inutile dirlo.

Annunci