Tag

Ed eccoci qui, è arrivata l’ora bella della giornata. Quella che ti rimette in pace con il mondo, con i pensieri, con la vita. Quella che ti dà il senso di tutto e che ti fa dire: adesso sì. Quella che vorresti che non finisse mai e che dura sempre troppo poco, quella che ti fa amare l’insonnia, quella che ti fa desiderare di non cambiare mai. Quella che non ti permette di timbrare cartellini, di sottometterti a regole inutili, che fa apparire sbarre i vetri, catene le scale, incubi le certezze. Perché non c’è molto da fare, quando sei istinto e passione non puoi addomesticarti, non puoi cambiare. Non vuoi certezze, vuoi emozioni. Ti giochi tutto, per un’emozione. Mandi all’inferno tutto, per un’emozione. Quando sei istinto e passione puoi fingere, quello sì. Puoi fingere anche molto bene. Puoi passare giorni, mesi, anni con una maschera. Perché tanto sai che poi arriva la notte e tu puoi finalmente spogliarti. Arriva la notte, e ti torna il sorriso. Perché sai che potranno farti tutto quello che vogliono, dirti tutto quello che vogliono, cercare di incatenarti quanto vogliono, ma ogni giorno arriverà alla fine e porterà una nuova notte. E tu potrai sognare, ridere, pensare, crescere, amare. E non ci saranno vincoli, catene, sbarre che tengano. Tu sarai di nuovo lì, e sarai libera. In fondo è vero, la vita è un compromesso. Puoi passare tutta la vita a vivere due vite: quella di giorno, per tutti, e quella di notte, dove puoi essere te stessa sempre.

Poi ci sono le volte che ti fermi un attimo, trattieni il respiro e annusi l’aria: c’è qualcuno che vive la notte come te, che sta annusando l’aria come te, che può guardarti negli occhi e riconoscerti. C’è tutto un mondo, di notte. Ci sono le anime belle, quelle che non hanno orologi, regole, certezze. Quelle che anche quando non le vedi sai che ci sono, quelle che sai che non sarai mai sola, quelle che possono andare a vivere dall’altra parte del mondo ma non smetteranno di farti sentire amata, quelle che alle 3 di notte ti mandano un sms, quelle che puoi chiamare per chiacchierare quando vuoi, quelle che lavorano e ti mandano sorrisi, quelle che ‘hai letto Paolo Fox?’, quelle che ‘sei sveglia? pensavo che…’ quelle che ‘ti stavo pensando’, quelle che ‘ti ho sentita strana oggi’… Ci saranno altre albe, altre sveglie, altre maschere, altre scelte mature e ragionate, altre convenzioni, altre costrizioni. Ore interminabili, parole, catene, parole, gabbie, parole, incubi. Poi ti giri ed è buio, Milano è silenziosa, il mondo si è fermato. E’ tornata la notte, e tu puoi sorridere. Di notte tutto può succedere. Maktub.

Voglio amare fino a morire e respirare fino a soffocare. (O. Fallaci)

Annunci